Bonus mobili 2021: come e perché approfittarne

C’è chi ancora non ne ha usufruito e c’è chi non sa di poterlo fare. Il bonus mobili è un’agevolazione che potrebbe dare un aiuto economico concreto a chi si appresta ad arredare la propria casa in seguito ad una ristrutturazione edilizia, oppure per quelli che vorrebbero rinnovare un mobilio ormai obsoleto e non più funzionale.

In cosa consiste il bonus

Il bonus mobili è una detrazione del 50% delle spese sostenute per l’acquisto di mobili o elettrodomestici. Ogni anno la Legge di Bilancio ne riconferma la validità e dà le indicazioni per le soglie di spesa: quest’anno la cifra massima è stata portata dai 10.000 euro del 2020 a 16.000 euro, a maggior beneficio di tutti i richiedenti.
Lo sconto viene suddiviso in dieci rate a scadenza annuale di pari importo e per ottenerlo è necessario inserire le spese sostenute all’interno della dichiarazione dei redditi. Una volta riconosciuta dal sistema, la detrazione si presenterà sotto forma di rimborso fiscale IRPEF. L’importo di 16.000 euro è riferito alla singola unità abitativa e nel conteggio si possono inserire anche le eventuali spese di trasporto e montaggio.
I documenti necessari che occorre conservare per poter sostenere la pratica sono: le ricevute (del bonifico o della transazione con pagamenti tramite carta di credito, non sono ammessi i pagamenti in contanti); la documentazione di addebito sul conto corrente; le fatture d’acquisto dei prodotti complete di descrizione del bene e della sua qualità e quantità.

Le condizioni per richiederlo

L’agevolazione è dedicata a tutti i contribuenti che hanno eseguito lavori di ristrutturazione appartenenti alle categorie ammissibili. Non a tutti gli interventi, infatti, è concessa la detrazione: per esempio, tutte le lavorazioni definite di manutenzione ordinaria per le singole unità immobiliari (tinteggiatura pareti, sostituzione di sanitari e pavimento) non sono comprese. Gli interventi a cui si riconosce il bonus sono i seguenti:

  • manutenzione straordinaria (realizzazione di nuovi servizi igienici, rifacimento di scale, installazione di ascensori, costruzione di tramezzi interni che non alterino la tipologia di unità abitativa;
  • restauro e risanamento conservativo (ripristino di caratteristiche storico-architettoniche di rilievo, adeguamento delle altezze che non alteri la volumetria esistente);
  • ristrutturazione edilizia (modifiche ai prospetti, realizzazione di balconi, apertura di nuove finestre e porte);
  • ricostruzione o ripristino in seguito a eventi di calamità naturale;
  • interventi finalizzati all’utilizzo di fonti rinnovabili di energia (installazione di impianti a generatore di calore alimentati da biomasse combustibili o impianti di climatizzazione a pompa di calore, installazione di stufe a pellet) a patto che ci sia un risparmio energetico rispetto alla condizione precedente;
  • manutenzione ordinaria, solo nel caso in cui l’intervento interessi le parti comuni di un condominio.

In quest’ultimo caso, i condomini avranno diritto alla detrazione – ognuno in base alla propria quota millesimale – per l’acquisto di beni destinati alle parti comuni. È importante sottolineare che i lavori non devono aver avuto luogo necessariamente nel corso del 2021 ma concorrono alla richiesta del bonus anche quelli eseguiti a partire dal 1° gennaio 2020.

Gli acquisti ammessi

Il bonus va ad interessare tutte le categorie di mobili possibili (ad esempio letti, armadi, divani tavoli, sedute, librerie, madie) e gli elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ oppure A per i forni (ad es. lavatrici, lavastoviglie, frigoriferi, stufe elettriche, apparecchi per il condizionamento).
Per quanto riguarda gli elettrodomestici è fondamentale conoscere le nuove etichette che identificano la classificazione energetica: nelle nuove classi di consumo, la A+ corrisponde alla lettera C, la A++ alla B e la A+++ alla A, prodotti questi ultimi classificati come “verdi” e che consumano pochissima energia.
Per avere maggiori informazioni in merito e per dare uno sguardo alle molteplici possibilità di arredo sulle quali investire vi aspettiamo in showroom.

Vuoi avere maggiori informazioni?
Compila il form per richiedere una consulenza

      Compila il form per richiedere una quotazione